Bollo auto scaduto: verifica, sanzioni e rischi


l bollo auto è una tassa regionale sulla proprietà della vettura che paga chi risulta proprietario di un’auto secondo il Registro Pubblico automobilistico. L’imposta non è legata, come ad esempio la revisione o il tagliando, all’utilizzo del veicolo, ma al solo possesso.

La tassa automobilistica è gestita dalle Regioni e dalle Province Autonome di Bolzano e Trento, ci sono però delle eccezioni. La Sardegna, la Sicilia e il Friuli-Venezia Giulia hanno infatti delegato l’Agenzia delle Entrate della riscossione del tributo.

 

In realtà il bollo auto non è una tassa come la Tari o l’IRPEF, si tratta di un’autotassazione. Il calcolo dell’importo dovuto è infatti fatto dal cittadino stesso e anche rispetto alla scadenza deve essere il contribuente a ricordare quando effettuare il versamento, come vedremo in dettaglio.

Dove si vede chi è proprietario

L’archivio chiave è il Pubblico Registro Automobilistico (PRA). Questo database è curato dall’Automobile Club d’Italia, l’ACI, che registra le compravendite di veicoli. Nel PRA sono effettuate le iscrizioni, le trascrizioni e le annotazioni per auto, moto e rimorchi.

L’Aci è un ente pubblico, quindi i dati raccolti nel PRA possono essere richiesti e visionati da qualsiasi cittadino ne faccia richiesta. Da questo archivio si può risalire ai contratti di vendita e acquisto, alle operazioni di leasing o anche alle sanzioni e ai fermi a cui è stato sottoposto o è sottoposto il veicolo.

Per ottenere una visura completa, magari dell’auto di seconda mano che state pensando di acquistare, è utile e semplice. Lo potete fare recandovi in un ufficio Aci presente nella vostra città o tramite il sito dell’ente. Il costo di questo controllo è di 6 €.

Ma perché c’è il PRA?

Questo archivio è stato istituito per poter stabilire con chiarezza chi fosse il proprietario di un determinato veicolo negli anni 20. La nascita del Pubblico Registro Automobilistico si deve ad un decreto regio. Inizialmente era stato stabilito che ad ogni veicolo fosse associato un numero progressivo poi con l’aumento della diffusione delle auto in Italia si è passati ai codici alfanumerici.

Per inoltrare una qualsiasi interrogazione a questo registro è necessario essere in possesso del numero di targa del veicolo da controllare. Per effettuare invece le registrazioni ci si deve rivolgere all’ufficio PRA-ACI della propria provincia di residenza. Nel caso in cui il proprietario di un veicolo cambi residenza le sue pratiche PRA saranno di competenza della nuova provincia di residenza.

Verifica del bollo auto

Ogni cittadino può effettuare un calcolo del bollo da pagare sui simulatori dell’ACI o dell’Agenzia delle Entrate. Non solo sui siti dei rispettivi enti il contribuente potrà anche verificare la regolarità dei propri versamenti.

Il pagamento della tassa automobilistica può essere fatto online, tramite bonifico o con l’uso delle carte di credito o debito, oppure presso le tabaccherie abilitate, le agenzie di pratiche auto, gli uffici postali e i locali sportelli ACI.

Sul sito dell’Agenzia delle Entrate è possibile selezionare la regione a cui intestare il pagamento, il tipo di veicolo che si possiede e inserire la targa dell’auto, infine l’anno per cui si effettua il versamento. Si hanno a disposizione due anni di tempo per pagare l’imposta dell’anno in corso.

Se avete dubbi sull’importo che vi spetta pagare rivolgetevi agli enti o all’assistenza dell’ACI (centralino attivo dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18). Se infatti sbagliate la cifra dell’imposta o pagate due volte per lo stesso anno fiscale potete chiedere il rimborso, ma la tempistica per ottenerlo potrebbe essere un po’ lunga.

Controllo bollo auto: nelle agenzie

I bolli auto si possono controllare anche:

  • nelle tabaccherie,

  • tramite ACI Bollonet,

  • servizio online disponibile sul sito ACI,

  • negli uffici ACI provinciali e nelle agenzie di pratiche auto.

Come ricorda Sermetra (rete di agenzie di pratiche auto), il bollo può essere pagato utilizzando molti canali (banca, tabaccai, poste, internet), ma il modo più sicuro è sempre quello di recarsi presso le agenzie di pratiche auto che sono collegate con gli archivi regionali.

Stesso discorso per il controllo dei bolli arretrati. Anche per sapere la scadenza del bollo, basta andare in un’agenzia di pratiche auto abilitata alla riscossione. Tramite il collegamento con gli archivi regionale e nazionale, l’agenzia può risalire alla corretta scadenza.

Bollo auto scaduto: sanzioni

Se il bollo auto è scaduto e viene pagato successivamente al termine previsto, il consumatore deve pagare sia la tassa sia le sanzioni e gli interessi che saranno calcolati in base ai giorni di ritardo. È il ravvedimento operoso.

  • Per il versamento effettuato tra il quindicesimo e il trentesimo giorno successivo alla scadenza del termine previsto per il pagamento, si applica una sanzione pari al 1,5% della tassa originaria. Più gli interessi legali giornalieri calcolati sugli effettivi giorni di ritardo la cui percentuale annua è pari allo 0,3%.

  • Per il versamento effettuato dopo il trentesimo giorno di ritardo, ma non oltre i 90 giorni, si applica una sanzione pari al 1,67% della tassa originaria, oltre gli interessi legali giornalieri calcolati sugli effettivi giorni di ritardo la cui percentuale annua è pari allo 0,3%.

  • Per il versamento effettuato dopo il novantesimo giorno di ritardo ma entro un anno, si applica una sanzione pari al 3,75% della tassa originaria, oltre gli interessi legali giornalieri calcolati sugli effettivi giorni di ritardo la cui percentuale annua è pari allo 0,3%.

  • Per il versamento effettuato oltre un anno di ritardo, si applica una sanzione pari al 30% della tassa originaria più gli interessi pari all’1% fisso per ogni semestre maturato di ritardo.

Che cos’è il ravvedimento operoso veloce

È stato introdotto un altro tipo di ravvedimento operoso cosiddetto “veloce”.

C’è una sanzione ulteriormente ridotta, pari allo 0,1% per ogni giorno di ritardo, se il versamento viene regolarizzato entro 14 giorni dalla scadenza del termine utile per il pagamento, più gli interessi legali giornalieri.

Quali rischi per chi non paga

Chi non ha pagato il bollo, riceverà entro tre anni dalla scadenza un avviso dalla propria Regione. In genere, il meccanismo è il seguente.

  • I contribuenti che non risultano in regola con il pagamento della tassa automobilistica per un certo anno riceveranno un “avviso di mancato pagamento”. Si tratta di una comunicazione informale con la quale l’interessato viene messo a conoscenza di una presunta irregolarità, con l’obiettivo di consentirgli di regolarizzare la propria posizione con i minori oneri possibili o, nel caso in cui il pagamento sia stato effettuato, di ottenere la sua collaborazione per la rettifica dei dati in possesso della Regione.

  • La Regione si appoggia all’Agenzia delle Entrate (una volta a Equitalia). Questa invia una cartella esattoriale a casa del proprietario della macchina.

  • Il titolare del mezzo ha la possibilità di pagare il dovuto: tutto e subito; oppure a rate.

  • Se non paga, l’Agenzia delle Entrate può mettere in campo misure coercitive. Arriva a casa del titolare dell’auto l’avviso di fermo amministrativo: la vettura non potrà circolare se il debito non verrà saldato. Poi si passa al fermo amministrativo vero e proprio: le ganasce fiscali.

Fermo amministrativo: che cos’è

Il fermo amministrativo è un atto con il quale le amministrazioni o gli enti competenti (Comuni, INPS, Regioni, Stato ecc.), tramite i concessionari della riscossione, "bloccano" un bene mobile del debitore iscritto in pubblici registri (come le auto). Eccone i punti principali.

  • Obiettivo della ganasce fiscali: riscuotere i crediti non pagati che possono riferirsi a tributi o tasse: vedi il bollo auto o le multe relative a infrazioni al Codice della Strada.

Come ricorda l’ACI, in caso di mancato pagamento della cartella esattoriale nei termini di legge, il concessionario della riscossione può disporre il fermo dei veicoli intestati al debitore, tramite iscrizione del provvedimento di fermo amministrativo nel Pubblico Registro Automobilistico (PRA).

  • A seguito dell'iscrizione del fermo la disponibilità del veicolo è limitata fino a quando il debitore non saldi il proprio debito e provveda a cancellarne l'iscrizione dal PRA. Il veicolo non può circolare né essere radiato dal PRA.

Ganasce fiscali da bollo auto: come eliminarle

Per la cancellazione del fermo amministrativo, occorre presentare a un qualsiasi ufficio provinciale del Pubblico Registro Automobilistico (PRA):

  • il provvedimento di revoca in originale (rilasciato dal concessionario della riscossione dopo aver saldato il debito per il quale il fermo è stato iscritto) contenente i dati del veicolo, del debitore e l'importo del credito di cui si chiede la cancellazione;

  • il certificato di proprietà (CdP) o il Certificato di Proprietà Digitale (CDPD), sul cui retro compilare la nota di richiesta, o il foglio complementare;

  • il modello NP-3 (se non si utilizza il CdP o il CDPD come nota di richiesta)

Quanto costa cancellare il fermo

Gli importi da versare al PRA per la cancellazione sono i seguenti:

  • imposta di bollo di 32 euro (se si utilizza il retro del CdP o il CDPD come nota di richiesta),

  • 48 euro: se si utilizza il modello NP-3 come nota di richiesta. 

A seguito dell'esito positivo della richiesta, viene cancellato il fermo amministrativo e viene rilasciato il nuovo Certificato di Proprietà Digitale (CDPD).

Ganasce per errore: il bollo era stato pagato

Se il fermo amministrativo è stato iscritto erroneamente, perché basato su una somma non dovuta dal contribuente (bollo auto pagato regolarmente), il concessionario della riscossione provvede a richiedere al PRA la cancellazione gratuita dell'iscrizione del fermo.

Prima la vendita, poi le ganasce

Se il veicolo è stato venduto con atto di data certa anteriore all'iscrizione del fermo (da bollo auto o da altro), dopo aver trascritto il passaggio di proprietà al PRA, il concessionario della riscossione, a seguito di comunicazione da parte dell'ACI, provvederà a cancellare gratuitamente il fermo amministrativo dagli archivi del PRA. Il veicolo non è quindi soggetto ad alcuna limitazione della disponibilità.

Bollo auto non pagato: paura del fermo

Come verificare se è stato iscritto un fermo amministrativo per non aver pagato un bollo?

  • È possibile richiedere una visura della targa del veicolo all'ufficio provinciale ACI (PRA), al costo di Euro 6,00 o tramite il servizio online, o a una delegazione ACI o ad uno studio di consulenza automobilistica (agenzia pratiche auto).

  • Se ci si rivolge a una delegazione ACI o a uno studio di consulenza automobilistica (agenzia pratiche auto), oltre ai costi previsti per legge, vanno aggiunti i costi per il servizio di intermediazione offerto in regime di libero mercato. La visura riporta tutte le informazioni giuridico-patrimoniali relative al veicolo, risultanti in quel momento.

Bollo auto: pagamento sbagliato

In caso di pagamento con importo inferiore al dovuto, è sufficiente eseguire un versamento integrativo con le modalità ordinarie.

Il sistema calcolerà automaticamente la somma residua ed eventuali interessi e sanzioni. In caso di errore nell'indicazione della targa, del codice fiscale, della scadenza o della Regione di competenza, è possibile, entro la stessa giornata in cui è stato effettuato il pagamento, ottenere l’annullamento dell’operazione, con contestuale restituzione della somma versata rivolgendosi allo stesso punto di riscossione (purché si tratti di Tabaccaio Lottomatica o Agenzia di pratiche automobilistiche autorizzata).

Rimborso del bollo

Il contribuente può richiedere il rimborso totale o parziale della tassa versata, qualora si sia verificata una delle seguenti situazioni.

  • Pagamento doppio: il versamento è stato effettuato due volte per lo stesso veicolo e per il medesimo periodo di imposta.

  • Pagamento versato superiore all'importo dovuto (in base agli elementi fiscali del veicolo e al periodo di riferimento per il quale è stata corrisposta la tassa automobilistica).

  • Pagamento non dovuto: la tassa non doveva essere corrisposta in caso di intervenuta esenzione a favore di soggetti portatori di handicap o di familiari di cui il disabile sia fiscalmente a carico.

  • Pagamento effettuato a favore di Regione diversa da quella di residenza, nel caso in cui sia stato effettuato anche il versamento corretto.

  • Pagamento con errata indicazione della scadenza, nel caso in cui sia stato effettuato anche il versamento corretto.

Il secondo obbligo: Rc auto

Oltre a pagare il bollo, il proprietario della macchina deve stipulare un’assicurazione auto  è la Rca obbligatoria per legge, che protegge sia il titolare sia chi viene eventualmente danneggiato dal veicolo assicurato. Le Forze dell’ordine controllano solo la Rca, e non il bollo. Possono multare chi viaggia senza polizza, ma non verificare il regolare pagamento della tassa di proprietà.

 

Quando l'assicurazione non paga? Ecco tutti i casi

Il settore delle assicurazioni comporta per gli utenti un gran numero di insidie. In particolare, può succedere di dover fare i conti con un'assicurazione che non vuole procedere con il risarcimento del danno subito dal contraente della polizza. Si tratta di uno scenario abbastanza frequente nel settore assicurativo e che espone l'assicurato al rischio concreto di non poter contare sulla copertura dei danni subiti. Ecco, quindi, cosa fare quando l'assicurazione non paga e quali sono tutti i casi in cui può registrarsi un evento di questo tipo.

Aumenti IVA sulla patente: tutto quello che c'è da sapere

Potrebbero scattare dei pesanti rincari per chi voglia prendere la patente, una sentenza della Corte europea ha infatti chiarito che l’esenzione applicata ai servizi delle autoscuole non è valida. Anche in Italia le lezioni teoriche e pratiche delle scuole guida andrebbero tassate al 22%. Quali sarebbero le conseguenze?

Costo servizi e utenze 2019: tutti gli aumenti di settembre, lo studio di SosTariffe.it

Il mese di settembre prende il via con una lunga serie di rincari tariffari per le famiglie italiane. Dalle utenze alla polizza RC Auto passando per i costi dei prodotti bancari, per gli utenti il rientro dalle vacanze è accompagnato da un forte incremento delle spese periodiche. L'ultimo studio di SosTariffe.it ha analizzato l'oscillazione dei costi medi annui di tutti i servizi del suo comparatore andando a confrontare i prezzi rilevati a gennaio con i prezzi di settembre. Il risultato è una vera e propria pioggia di rincari con aumenti per coppie, famiglie e single. 
Scopri il prezzo della tua polizza
  • 1 Inserisci i tuoi dati una sola volta
  • 2 Confronta più preventivi contemporaneamente
  • 3 Acquista online e risparmia fino a 500€
Hai già calcolato un preventivo con SosTariffe.it?
Recupera preventivi »

FAQ