Acquisto auto da privato come attivare l'assicurazione


Cambiare auto scegliendo di acquistare un’auto usata da un privato comporta la necessità di prestare attenzione ad una serie di procedure che risultano leggermente differenti rispetto a quelle che si devono affrontare quando si va ad acquistare un’auto nuova.

In primo luogo, prima di procedere all’acquisto di un’auto da privato è fondamentale raccogliere tutte le informazioni in merito a come attivare l’assicurazione auto.

Anche per un’auto usata, infatti, aver attivato la polizza RC è un passaggio fondamentale per poter circolare e sostare con il proprio veicolo su di una strada pubblica.

Il processo di attivazione dell’assicurazione per un’auto usata è leggermente differente rispetto a quello che caratterizza l’assicurazione di un veicolo nuovo. Si tratta, in ogni caso, di un procedimento lineare che, se seguito in modo corretto, permetterà all’acquirente del nuovo veicolo usato di poter iniziare, da subito, ad utilizzare il proprio mezzo lungo le strade pubbliche.

Al momento dell’acquisto di un’auto usata da un privato, l’acquirente del veicolo può seguire due strade differenti. Una prima opzione è rappresentata dall’attivazione di una nuova polizza RC Auto, ovvero di un nuovo contratto assicurativo slegato da qualsiasi altro contratto stipulato in precedenza dal proprietario del veicolo.

Una seconda opzione per assicurare un’auto usata è rappresentata dal trasferimento della polizza auto dal precedente veicolo. Il trasferimento della polizza può avvenire nel caso in cui l’auto precedente è stata venduta o rottamata, in parallelo all’acquisto di un’auto nuova.

È importante sottolineare che per completare il trasferimento di un’assicurazione auto è importante seguire, nel dettaglio, le indicazioni della propria compagnia assicurativa.

A seconda della compagnia con cui si è attivata la polizza auto, infatti, potrebbero esserci limitazioni o procedure particolare da ultimare prima di poter completare il processo di trasferimento.

Di seguito, vedremo quali sono i passaggi preliminari e necessari da compiere per scegliere ed acquistare un’auto usata da un privato e successivamente completare l’attivazione di una regolare polizza RC Auto, una copertura necessaria per poter circolare in strade pubbliche con il veicolo usato appena acquistato.

Acquisto auto usata: i passaggi preliminari da completare

L’acquisto di un’auto usata da un privato richiede la massima attenzione da parte dell’acquirente. Il mercato dell’usato per quanto riguarda i veicoli a motore (auto, moto etc) è molto florido ed offre un gran numero di occasioni da sfruttare al volo.

Il rischio di imbattersi in truffe, raggiri o anche solo in valutazioni che non corrispondono al reale valore del mezzo da assicurare è concreto.

Per questo motivo, prima di procedere all’acquisto del veicolo usato ed alla sottoscrizione di una nuova polizza auto, necessaria per poter circolare con il mezzo appena acquistato, è opportuno analizzare, nel dettaglio, tutta la documentazione dell’auto.

Prima di completare la pratica d’acquisto, infatti, si dovranno analizzare tutti i documenti di proprietà e manutenzione del veicolo al fine di avere la certezza assoluta di essere in procinto di acquistare un’auto in regola, sotto tutti i punti di vista. Solo in questo modo si potrà effettuare un acquisto, con il relativo esborso economico considerevole, senza correre alcun rischio.

È consigliabile, inoltre, effettuare una supervisione completa del veicolo, sia per quanto riguarda lo stato degli elementi interni ed esterni che per tutti gli aspetti tecnici e meccanici (magari facendosi affiancare da un consulente specializzato).

In generale, è prioritario assicurarsi che la valutazione economica del veicolo sia corretta (ad esempio controllando le quotazioni online del veicolo che si sta per acquistare).

Ultimata la fase di analisi e verifica del veicolo che si sta per acquistare, per ultimare in modo definitivo l’acquisto del mezzo si dovrà effettuare il passaggio di proprietà. Si tratta di un’operazione semplice che, in ogni caso, può essere svolta anche richiedendo il supporto di un’agenzia di pratiche auto che, dopo aver ottenuto tutta la documentazione richiesta dalla normativa, procederà con il completamento del passaggio di proprietà.

Acquisto auto usata: la scelta dell’assicurazione

Completato il passaggio di proprietà relativo all’auto usata appena acquistata, sarà necessario occuparsi dell’assicurazione. Esattamente come accade per i veicoli nuovi, un mezzo senza assicurazione RC non è autorizzato alla circolazione o alla sosta in strade pubbliche.

Per questo motivo, se si completa l’acquisto di un’auto usata e si trascura l’aspetto legato all’assicurazione, non sarà possibile circolare con il mezzo appena acquistato.

Circolare in strade pubbliche con un veicolo sprovvisto di regolare copertura assicurativa RC (anche se appena acquistato usato) comporta, per il proprietario del veicolo stesso, delle sanzioni molto pesanti.

Al momento dell’acquisto di un’auto usata, il nuovo proprietario del veicolo ha due opzioni per quanto riguarda l’assicurazione auto. In primo luogo è possibile attivare una nuova polizza RC Auto andando a sottoscrivere un contratto completamente slegato dall’assicurazione auto del veicolo posseduto in precedenza.

Una seconda opzione, invece, è rappresentata dal trasferimento della polizza auto dal veicolo posseduto in precedenza al veicolo usato appena acquistato da un privato. Questa seconda opzione comporta però che il proprietario abbia già venduto o rottamato l’auto posseduta prima dell’acquisto del nuovo veicolo.

Trasferimento assicurazione auto: come funziona

Il trasferimento dell’assicurazione auto è un’opzione disponibile per il proprietario che decide di vendere o rottamare un veicolo per poi acquistarne uno nuovo. Non è possibile trasferire la polizza auto senza la vendita o la rottamazione dell’auto precedente.

Per completare il passaggio dell’assicurazione dal veicolo precedente al veicolo nuovo (anche se acquistato usato) è necessario contattare la propria compagnia assicurativa, ovvero l’azienda con cui si è attivato in precedenza il contratto assicurativo relativo all’auto “vecchia”.

La compagnia richiederà al proprietario dell’auto su cui trasferire la polizza tutta la documentazione che certifichi l’avvenuto passaggio di proprietà relativo al veicolo nuovo. È, quindi, necessario completare il passaggio di proprietà prima di procedere con il trasferimento dell’assicurazione.

Sarà necessario fornire alla compagnia anche la documentazione relativa alla vendita o alla rottamazione del veicolo precedente.

L’intero processo di vendita o di rottamazione del veicolo precedente deve, quindi, essere ultimato prima di presentare la richiesta di trasferimento dell’assicurazione.

È  importante sottolineare che ciascuna compagnia assicurativa presenta delle regole specifiche che gestiscono tutto il processo di trasferimento delle polizze auto.

Di fatto, ogni compagnia segue una politica autonoma in merito al trasferimento dell’assicurazione auto ed i passaggi da seguire così come la documentazione da presentare potrebbe variare a seconda del caso.

Prima di avviare l’iter di trasferimento è, quindi, sempre consigliabile consultare il contratto assicurativo relativo alla polizza RC Auto attivata. Tra le condizioni generali di contratto, infatti, verranno specificate anche le meccaniche da seguire per richiedere il trasferimento della polizza.

È  possibile, inoltre, richiedere informazioni su questa procedura al servizio clienti della propria compagnia assicurativa. In ogni caso, risulta molto conveniente raccogliere tutte le informazioni relative a questo particolare procedimento in netto anticipo rispetto alla vendita o alla rottamazione dell’auto “vecchia” ed all’acquisto dell’auto “nuova”.

In generale, al momento della presentazione della domanda di trasferimento di una polizza auto su di un veicolo appena acquistato (anche se usato) è necessario avere a disposizione la seguente documentazione:

  • certificato che attesti l’alienazione dell’auto come un atto di vendita o di avvenuta rottamazione del veicolo stesso;

  • carta verde;

  • certificato o contrassegno assicurativo della vecchia auto;

  • libretto del veicolo appena acquistato su cui si andrà a trasferire la polizza.

Come detto, il processo di trasferimento di un’assicurazione auto può seguire modalità e tempistiche differenti a seconda della compagnia con cui si è attivata la polizza auto in essere.

La scelta migliore per chi sceglie di sfruttare il trasferimento dell’assicurazione auto è rappresentata dall’opportunità di agire d’anticipo e richiedere tutte le informazioni del caso, procedendo con la preparazione della documentazione richiesta, in netto anticipo rispetto alla vendita dell’auto “vecchia” ed all’acquisto dell’auto “nuova” sui cui traferire la polizza.

Auto usata senza trasferimento dell’assicurazione

Una seconda opzione da seguire per poter assicurare un’auto usata appena acquistata da un privato è rappresentata dall’attivazione di una nuova polizza RC Auto.

In sostanza, il proprietario del veicolo usato appena acquistato, scegliendo quest’opzione, andrà a stipulare un nuovo contratto assicurativo slegato dall’assicurazione precedentemente attivata.

La nuova polizza RC Auto partirà dall’ultima classe di merito maturata che verrà indicata nell’attestato di rischio, il documento che le compagnie assicurative rilasciato ai loro clienti che include lo storico dei sinistri in cui l’assicurato è stato coinvolto, con o senza colpa, nel corso degli ultimi cinque anni.

Chi aveva un’auto assicurata in classe 1, la classe di merito più vantaggiosa, avrà l’opportunità di attivare una nuova polizza auto ripartendo sempre dalla classe 1 ed andando così a conservare tutti i vantaggi, legati al settore assicurativo, maturati nel corso degli anni con un conseguente risparmio economico.

Nei casi in cui la classe di merito universale non risultasse particolarmente vantaggiosa sarà possibile sfruttare la Legge Bersani ed andare ad ereditare la classe di merito di un membro dello Stato di Famiglia.

Quest’opzione è valida solo se l’auto usata entra a far parte del parco macchine del nucleo familiare per la prima volta.

Non è, quindi, possibile acquistare un’auto usata da un altro membro del nucleo familiare ed andare ad ereditarne la classe di merito sfruttando i vantaggi della Legge Bersani.

Con questa norma è possibile andare ad ereditare la classe di merito particolarmente conveniente, ipotizziamo la classe di merito universale 1, di un genitore o di un convivente (incluso nello Stato di Famiglia) con notevoli vantaggi economici relativi al costo finale della polizza auto.

I vantaggi garantiti dalla Legge Bersani sono disponibili, esclusivamente, per gli automobilisti privati (le aziende non possono richiedere l’applicazione di tale norma) e la possibilità di ereditare la classe di merito, ottenendo così sostanziali vantaggi economici al momento della stipula di un nuovo contratto assicurativo, è disponibile solo per veicoli della stessa categoria (non è possibile ereditare la classe di merito di un motoveicolo se si sta assicurando un autoveicolo). 

È  importante sottolineare, infine, che l’applicazione della Legge Bersani va richiesta, esplicitamente, dal contraente della polizza auto al momento dell’attivazione della nuova assicurazione.

Chi acquista per la prima volta un’auto e non ha la possibilità di sfruttare la Legge Bersani partirà dalla classe di merito di ingresso, la 14, andando ad affrontare un costo abbastanza elevato della polizza auto.

Assicurazione auto usata: i costi

Un aspetto che non sempre viene considerato al momento della scelta dell’auto da acquistare è rappresentato dai costi della polizza auto che comprende la copertura obbligatoria RC Auto ed eventuali garanzie accessorie che potranno risultare molto utili per arricchire la copertura complessiva del contratto assicurativo.

Assicurare un’auto usata costa, in media, di più rispetto a quanto costi assicurare un’auto nuova. La polizza RC Auto per chi acquista un veicolo usato, infatti, tende ad essere più elevata in quanto il costo dell’assicurazione auto è, di fatto, direttamente proporzionale con l’età del veicolo che si va ad assicurare (a parità di tutti gli altri fattori che rientrano nel calcolo della polizza auto).

Le compagnie assicurative, infatti, ritengono che i proprietari di auto usate siano meno prudenti al volante per via della consapevolezza che il veicolo che si sta guidando presenti un valore commerciale nettamente inferiore di un veicolo nuovo, di pari categoria. All’aumentare dell'età del mezzo, l’attenzione alla guida del proprietario tenderà a diminuire. Chiaramente, non si tratta di una regola generale ma di una tendenza che influenza il calcolo dei costi di una polizza auto.

Le nuove auto nuove tendono ad essere più sicure rispetto ai veicoli usati, soprattutto se con qualche anno di troppo sulle spalle. Anche quest’elemento va ad influenzare i costi assicurativi di un’auto usata che, quindi, risulterà leggermente più costosa da assicurare rispetto ad un veicolo nuovo di zecca.

Acquistare un’auto usata da un privato non prevede il riconoscimento della garanzia di conformità sul modello usato appena acquistato. Per compensare l’assenza di tale garanzia, potrebbe, quindi, essere utile sottoscrivere una polizza assicurativa specifica che, inevitabilmente, andrà a far lievitare il costo dell’assicurazione auto.

Seggiolini antiabbandono obbligatori da oggi, 7 novembre: i prezzi e cosa dice la legge

Quanti pensavano di avere ancora fino al 6 Marzo 2020 per adeguarsi all’obbligo dei seggiolini antiabbandono hanno avuto una brutta sorpresa. Il Ministero dell’Interno ha infatti entrare in vigore l’obbligo dal 7 Novembre. La novità ha colto di sorpresa sia gli automobilisti che i produttori dei dispositivi. C'è stata una corsa all'acquisto che ha fatto crescere i prezzi dei dispositivi

Costo Auto 2019: aumentano del 6,58% le spese per RC, carburante, bollo e revisione

Mantenere un'auto costa, in media, 1614 Euro all'anno agli automobilisti italiani con veri e propri picchi in Campania, dove si supera quota 2 mila Euro all'anno di spese per il mantenimento. Rispetto allo scorso anno, inoltre, i prezzi di gestione sono aumentati in quasi tutte le regioni italiane con un incremento medio del +6.58%. Questi sono i principali risultati dell'ultimo Osservatorio di SosTariffe.it che ha preso in esame tutti i costi, fissi e variabili, che gli automobilisti devono affrontare per il proprio veicolo in tutte le regioni del Paese. Ecco i risultati dello studio. 

Conti Correnti e tassi negativi: 6 consigli per evitarli

Una realtà già adottata all’estero da alcune banche danesi, tedesche e svizzere, i tassi negativi vedranno applicazione anche nel nostro Paese, a partire dal prossimo anno. Come funzionano di preciso i tassi negativi e quali sono le conseguenze sui conti correnti dei risparmiatori italiani, da sempre abituati a mettere da parte i propri soldi nello strumento finanziario del conto corrente? Ecco a cosa bisogna prestare attenzione e quali sono i motivi per i quali si potrebbe cercare una soluzione alternativa.
Scopri il prezzo della tua polizza
  • 1 Inserisci i tuoi dati una sola volta
  • 2 Confronta più preventivi contemporaneamente
  • 3 Acquista online e risparmia fino a 500€
Hai già calcolato un preventivo con SosTariffe.it?
Recupera preventivi »

FAQ