Bonus Malus


Si definisce Bonus Malus quel meccanismo applicato dalla maggior parte delle assicurazioni Rca sui veicoli a motore. Il sistema comporta la variazione del premio dovuto dal cliente all’assicurazione (in aumento o in diminuzione) di anno in anno, secondo le seguenti modalità:

  • Con il “bonus” si applica uno sconto sul premio assicurativo in ragione della virtuosità dell’assicurato che non si è reso responsabile di sinistri durante il periodo di osservazione (tale periodo dura 10 mesi a differenza dell’anno assicurativo);
  • con il “malus” invece, si applica una maggiorazione sul premio in ragione dell’evento sinistroso provocato con colpa o concorso di colpa.

Il sistema Bonus Malus è legato al sistema delle classi di merito assicurative (C.U.), perché lo sconto offerto dal bonus si sostanzia non solo nella riduzione del premio, ma anche nell’avanzamento di una classe assicurativa. In questo modo, anche chi decide di cambiare compagnia, può usufruire dello sconto, perché la nuova classe raggiunta viene indicata nell’attestato di rischio. Chi invece si rende responsabile anche di un solo incidente, in base al sistema Bonus Malus, degrada di due classi di merito. Ciò comporta che le classi di merito, fissate in numero di 18, siano più o meno costose in base alla virtuosità dell’assicurato.

Chi raggiunge la 1^ classe di merito non commettendo sinistri infatti, ha guadagnato una serie consecutiva di bonus e pagherà l’assicurazione più economica. Chi al contrario scende a classi inferiori paga di più (la classe più costosa è la 18^). Il sistema Bonus Malus dunque è stato creato per incentivare uno stile di guida prudente. I neopatentati entrano nel sistema Bonus Malus con una classe 14^, in ragione della loro inesperienza alla guida.

Il meccanismo Bonus Malus, vale sia per le assicurazioni auto che per le assicurazioni dei motoveicoli o di altri veicoli a motore.

Trova polizza auto più conveniente »Vai

Seggiolini antiabbandono obbligatori da oggi, 7 novembre: i prezzi e cosa dice la legge

Quanti pensavano di avere ancora fino al 6 Marzo 2020 per adeguarsi all’obbligo dei seggiolini antiabbandono hanno avuto una brutta sorpresa. Il Ministero dell’Interno ha infatti entrare in vigore l’obbligo dal 7 Novembre. La novità ha colto di sorpresa sia gli automobilisti che i produttori dei dispositivi. C'è stata una corsa all'acquisto che ha fatto crescere i prezzi dei dispositivi

Costo Auto 2019: aumentano del 6,58% le spese per RC, carburante, bollo e revisione

Mantenere un'auto costa, in media, 1614 Euro all'anno agli automobilisti italiani con veri e propri picchi in Campania, dove si supera quota 2 mila Euro all'anno di spese per il mantenimento. Rispetto allo scorso anno, inoltre, i prezzi di gestione sono aumentati in quasi tutte le regioni italiane con un incremento medio del +6.58%. Questi sono i principali risultati dell'ultimo Osservatorio di SosTariffe.it che ha preso in esame tutti i costi, fissi e variabili, che gli automobilisti devono affrontare per il proprio veicolo in tutte le regioni del Paese. Ecco i risultati dello studio. 

Conti Correnti e tassi negativi: 6 consigli per evitarli

Una realtà già adottata all’estero da alcune banche danesi, tedesche e svizzere, i tassi negativi vedranno applicazione anche nel nostro Paese, a partire dal prossimo anno. Come funzionano di preciso i tassi negativi e quali sono le conseguenze sui conti correnti dei risparmiatori italiani, da sempre abituati a mettere da parte i propri soldi nello strumento finanziario del conto corrente? Ecco a cosa bisogna prestare attenzione e quali sono i motivi per i quali si potrebbe cercare una soluzione alternativa.
Scopri il prezzo della tua polizza
  • 1 Inserisci i tuoi dati una sola volta
  • 2 Confronta più preventivi contemporaneamente
  • 3 Acquista online e risparmia fino a 500€
Hai già calcolato un preventivo con SosTariffe.it?
Recupera preventivi »

Guide

FAQ